lunedì 11 dicembre 2017

Domenica 17 dicembre: "Sentiero delle vecchie fonti

Domenica, 17 dicembre 2017 escursione di gruppo a Fubine "Sentiero delle vecchie fonti" - 14 km collinari

Fonte

venerdì 8 dicembre 2017

La lunga marcia di Peter, settima tappa: macerie e rinascita

Peter Lerner, giornalista esperto di boxe, prosegue la sua marcia 400 km dal Tirreno all'Adriatico allo scopo di raccogliere fondi a favore delle zone devastate dal sisma. Ecco il film della settima tappa, testimonianza della voglia di reagire della popolazione (Idea/script di Michela Pellegrini e Peter Lerner. 

Il video 


La lunga marcia di Peter: l'arrivo ad Accumoli

 

 

 

10 DICEMBRE 2017, al Presepe di Manarola

10 dicembre: si accende a Manarola delle Cinque Terre il magnifico Presepe, simbolo di pace e di fratellanza, e il CAI è lieto di perpetuare la collaborazione con l'artefice del capolavoro, l'amico Mario Andreoli, ferroviere in pensione, organizzando la tradizionale fiaccolata ed un'escursione sui sentieri delle Cinque Terre.


Manarola e la collina illuminata

Questo il programma.

Ritrovo: ore 10.00 piazzale stazione ferroviaria centrale della Spezia; partenza con treno delle ore 10.15 per Riomaggiore.

Da Riomaggiore: sentiero SVA sino alla Strada Litoranea in loc. Bargon, quindi trasferimento sul sentiero che risale la Valle Tramolini percorsa dal Rio Maior. Si trovano un ponte in pietra ad arcata unica e subito dopo una sorgente. Lasciato il sentiero principale di fondovalle, s'imbocca una scalinata stretta e ripida che porta all'abbandonato borgo medievale di Cacinagora e sfocia poco dopo nel sentiero 530 (sterrato dal Telegrafo a Volastra). Si percorre un tratto di tale sterrato per scendere poi al Corniolo con il sentiero 532. Si prosegue con il sentiero orizzontale 532C, che attraversa il 502 e perviene all'abitato di Groppo. Da Groppo, con il sentiero 506V si scende a Pi' de Fiesse di Manarola. Si risale la prima rampa del sentiero 506 per Volastra per poi seguire il panoramico sentiero, detto del "tulipanoblu", che va a sovrastare la borgata di Manarola e discende infine la Collina Collora arrivando in paese.

Continua qui

giovedì 7 dicembre 2017

Auto e moto in Alta Via, insorge il Cai: "La Regione cancelli il provvedimento"

Il presidente Carravieri: “Sarebbe un danno enorme per la montagna, un affronto all'ambiente”
 

«No ai fuoristrada sui sentieri dell’Alta Via dei Monti Liguri, la nostra posizione è chiara e indiscutibile, la Regione cancelli quel provvedimento»: è perentoria la posizione di Gianni Carravieri, presidente regionale del Cai, Club alpino italiano, sulla decisione della Regione Liguria di aprire l’Alta Via dei Monti Liguri, cui la stessa giunta ha affidato al Cai la gestione, al transito dei mezzi fuoristrada.

Continua qui


Alta Via, dietrofront della Regione: "No ai fuoristrada sui sentieri"

martedì 5 dicembre 2017

Domenica 10 dicembre: da Punta Baffe a Nua Natua (GE)

CORBEZZOLI  E… FRITTO MISTO

La Torre di Punta Baffe
In pullman raggiungeremo Riva Trigoso, e saliremo a Punta Baffe su facile sentiero vista mare e immerso nel “paradiso dei corbezzoli”. Scenderemo fino a raggiungere l’agriturismo “Nua Natua”, che è tanto piaciuto la volta scorsa. Sulla stupenda terrazza  consumeremo  un “ brunch”…
cosi proposto:
Torte di verdure della tradizione ligure a buffet
Fritto misto servito al tavolo
Dessert, (torte della casa)
Un calice di vino
Acqua
Caffè
Il percorso non presenta particolari difficoltà ed è adatto a tutti. Per le temperature stagionali e per le caratteristiche del sentiero, occorre tuttavia avere un’abitudine a camminare e indossare scarpe adeguate, con suola scolpita. Consigliati i bastoncini da trekking. Il dislivello totale è di circa 400 mt. (200 andare e altrettanti a ritornare).
Ritorneremo per lo stesso sentiero dell’andata, certamente
con passo lieve dopo la buona sosta. 

Continua qui

 

lunedì 4 dicembre 2017

Il Cammino di Santiago da Astorga


Fare il Cammino di Santiago da Astorga suppone di camminare tra i 10 e i 12 giorni fino a Santiago, e 4 o 5 giorni in bicicletta. Cioè, se si hanno due settimane per fare il Cammino di Santiago a piedi o una settimana per farlo in bici si dovrebbe iniziare ad Astorga.

Il Cammino di Santiago a piedi da Astorga

Il tratto del Cammino francese tra Astorga e Santiago ha numerosi rifugi pubblici e privati in quasi tutti i paesi, in modo da poter programmare ogni passo secondo le proprie esigenze, anche fare modifiche al volo (nei mesi di luglio e agosto si consiglia di prenotare l’alloggio, così c’è meno flessibilità). Se seguiamo le tappe tradizionali sono 11 che separano Astorga da Santiago, in modo che in due settimane si può visitare Astorga (1 giorno), il cammino (11/12 giorni) e ritorno da Santiago di Compostela a casa vostra (1 giorno).

Il Camminatore, statua dedicata ai pellegrini fronte al rifugio pubblico


I primi due tratti dalla partenza, da Astorga a Ponferrada, passano attraverso una delle zone più belle del Cammino. La salita alla Cruz de Ferro è probabilmente il tratto più iconico dell’intero Cammino di Santiago.

Continua qui

domenica 3 dicembre 2017

Sentiero del Tracciolino: Anello Novate Mezzola - Frasnedo - Verceia

19 Novembre 2017 da Novate Mezzola (SO) 207 m - difficoltà: E




Da Colico, proseguire per Chiavenna e qualche chilometro prima del paese parcheggiare l'auto alla stazione di Novate Mezzola 207 m.

Il Sentiero del Tracciolino è un percorso di 10 chilometri che corre ad un altezza costante di 900 metri fra la Val dei Ratti e la Val Codera, costruito quasi un secolo fa per collegare le centrali idroelettriche. La parte più interessante del tracciato è quella a cavallo fra le due vallate, e presenta gallerie e spettacolari passaggi scavati nella roccia.
Per compiere questo giro ad anello noi abbiamo lasciato l'auto alla stazione di Novate Mezzola, pensando poi di tornare in treno da Verceia. Molti parcheggiano invece nel'ampio spiazzo del lido di Novate Mezzola, e da qui prendono il sentiero che si inoltra nella valle dei Ratti. Noi quindi abbiamo seguito un breve tratto della stradina asfaltata per Codera, per poi traversare verso il paese di san Giorgio passando per lo sterrato che prima entra nella miniera e che poi la costeggia trasformandosi in sentiero. Con andamento a tornanti, con vista sempre panoramica sul lago e sulle montagne, il tracciato guadagna presto quota, e superato in leggera discesa un bellissimo bosco, si raggiunge l'incantevole villaggio di San Giorgio.
Risalire i prati e i boschi alle spalle del paesino e raggiungere in una ventina di minuti il Sentiero del Tracciolino. Verso sinistra il Tracciolino continua fino all'interno della Val Codera, noi abbiamo invece proseguito verso destra attraverso quello che dovrebbe essere il pezzo più bello di questo carattersitico percorso. Il sentiero, interamente assicurato da un parapetto, è alla portata di tutti e passa attraverso diverse gallerie tutte dotate di illuminazione temporizzata.


Continua qui

venerdì 1 dicembre 2017

Tutti i cammini portano a Santiago: ecco il giro d’Europa in 80 mila km. A piedi

Un'animazione per vedere i 286 itinerari di 28 Paesi europei che convergono verso la tomba di San Giacomo

 

 

Se è luogo comune che tutte le strade portano a Roma, è altrettanto acclarato che tutti i cammini portano a Santiago di Compostela. E la dimostrazione la abbiamo dal video realizzato dalle Associazioni Jacobee e dalla Xunta de Galicia che hanno messo insieme tutti i percorsi d’Europa diretti verso la tomba di San Giacomo apostolo. Il risultato è 286 cammini per un totale di oltre 80.000 km in 28 Paesi europei: dall’Austria alla Germania, dal Belgio alla Croazia, dalla Danimarca alla Finlandia alla Francia fino, ovviamente, all’Italia. Per arrivare alla Spagna dove tutti gli itinerari confluiscono su Santiago di Compostela. GUARDA IL VIDEO

 

Fonte: Gazzetta dello Sport

 

lunedì 27 novembre 2017

Il cammino di Beato Arcangelo: a spasso tra vigne e Cielo


I Cammini francescani di Sicilia, che una volta venivano utilizzati come principali assi di collegamento da frati, briganti, pastori e viandanti in genere, faranno faticare le vostre gambe ma ognuno, con le sue peculiarità di storia e paesaggio “allenerà” la vostra anima. Se avete voglia di respirare la campagna siciliana, questo percorso – tra Alcamo e Calatafimi – riempirà i vostri polmoni di bellezza

Per compiere un viaggio dentro e fuori di sé non bisogna andare lontano.
«Ciò che è fuori è anche dentro; e ciò che non è dentro non è da nessuna parte. Per questo viaggiare non serve. Se uno non ha niente dentro, non troverà mai niente fuori. È inutile andare a cercare nel mondo quel che non si riesce a trovare dentro di sé.» (Tiziano Terzani)

Fatta questa premessa, e ammesso che non esiste equivalenza tra lontananza e magnificenza, è comunque innegabile che alcuni luoghi (spesso isolati, poco antropizzati) abbiano la capacità di tramettere una particolare magia a chi li attraversa. Qui in Sicilia, lo dico con cognizione di causa, sono numerosi i posti in cui è possibile camminare nella bellezza. Sentieri battuti da secoli, in cui storie, speranze e fatica dei pellegrini hanno intriso il terreno di un fascino senza tempo.

Continua qui

giovedì 23 novembre 2017

Pensarecojpiedi

Sicchè in montagna, 'sì come in ogni ambiente naturale, pensare coi piedi e camminare con la testa vadano di pari passo. Incursioni escursionistiche in prosa ed immagini, ossia fotoromanzi fatti coi piedi. BENVENUT*  

APPENNINO TOSCOEMILIANO: traversata anulare Libro Aperto-Cima Tauffi per il Passo della Morte; o del fosco eppur corrusco viandare di crina.

SCHEDA ESCURSIONE
  • N.B.: i tempi indicati si intendono al netto delle soste, e grossomodo corrispondenti a quelli di un camminatore medio, ovvero circa 1h per 300/350 mt. di dislivello in salita e per 500 mt. di dislivello in discesa, sempre grossomodo, ‘chè ognun* fa poi i conti coi propri.
  • CARTOGRAFIA: Ho utilizzato la carta “Alto Appennino modenese; Palagano-Gaiato-Abetone-Corno alle Scale”, foglio 11 Monte Cimone, editrice IL SENTIERO (www.ilsentieroeditore.com), scala 1:25.000
  • L’escursione inizia presso la contrada I Taburri, che ospita l’omonimo bel Rifugio, nell’alto appennino modenese, pochi chilometri a monte di Fellicarolo, villaggio montano del comune di Fanano (MO). Indicazioni Google Maps per I Taburri La località è raggiungibile in auto su stradello montano un poco tortuoso quantunque asfaltato fino a poche centinaia di metri dal Rifugio, ‘sicchè l’ultimo tratto è su carrozzabile sterrata ghiaiosa.
  • SPAZI e TEMPI: Rifugio I Taburri 1220 mt-sentiero 433- crinale sotto la cima-a sx sentiero 00 – anticima-Cima Libro Aperto 1938 mt (2.15 h); sentiero 00 di crinale-Monte Lancino 1676 mt-Cima Tauffi 1798 mt (1.30 h); a sx sentiero 425-il Colombino (0.50 h); a sx sentiero 445-Rifugio I Taburri 1220 mt (1 h circa)
  • TOTALE TEMPI: 5.30/6 h. circa
  • DISLIVELLI: salita 850 mt. circa, discesa 800 mt. circa;
  • PUNTI D’APPOGGIO : RIFUGIO I TABURRI   ; bivacco La Pilaccia
  • cartina topografica con tracciato del percorso escursionistico: in giallo il nostro cammino 
Continua qui
 

Gli escursionisti liguri si radunano sugli alpeggi

Gli escursionisti liguri che fanno riferimento al sito quotazero.com, la piazza virtuale su cui vengono condivise le esperienze più varie di chi ama vivere in presa diretta l'ambiente naturale ligure, si sono come ogni anno radunati per una giornata conviviviale. Sabato 18 novembre la scelta per il tredicesimo raduno nella storia di Quotazero è caduta sui Casoni di Lomà, antichi alpeggi in alta Val Brevenna, appena sotto i monti Antola e Cremado.

Continua qui (video)

martedì 21 novembre 2017

Camminare in compagnia, viaggiare a piedi

Organizziamo viaggi a piedi, viaggi con l’asino, cammini per bambini, viaggi a vela e scarponi,
cammino profondo, esperienze di meditazione, trekking, turismo responsabile.

 

 

Calendario Cammini 2018

 

I nostri viaggi

 

Dal Blog

 

 

venerdì 17 novembre 2017

PASSO dopo PASSO: sito rinnovato


Abbiamo rinnovato il sito di PASSOdopoPASSO, attivo da Novembre 2017 per offrirti maggiori informazioni e aggiornamenti sulle nostre attività e con uno sguardo a tutto quello che ti appassiona. Diviso in tre sezioni: generale (Tour and Treks), Sezione Fotografica e Sezione Umanitaria, per arrivare velocemente a ciò che ti interessa. Buona navigazione!!

Inaugurazione a Persico Dosimo (CR)

Ladakh: Trekking nella Zanskar Valley

Continua qui 


Prossima escursione

Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog