martedì 2 giugno 2009

Domenica 7 giugno: I Balmit di Pian Cavallone Parco della Valgrande (VB)


Escursione di tipo E

Dislivello di 630 mt

Ritrovo a Tortona alle 7,45

Ritrovo a Voghera alle 7,30

Colazione al sacco


Viaggio con mezzi propri: Autostrada sino a Baveno (ultima uscita prima di Gravellona Toce). Usciti dall'Autostrada si svolta a sx per Verbania, alla rotonda di Fondotoce si seguono i cartelli per Bieno, Cambiasca, Caprezzo: da qui per la localita' detta Cappella Porta. (Ampio parcheggio) Tempo stimato: 2,30h

Ritrovo presso la Cappella Porta ore 10,30(1065mt)

Seguendo a dx il sentiero n 20 si percorrono le vie di comunicazione fra gli alpeggi ormai abbandonati di Fai, Pechi, Seppio dove si lascia il sentiero principale per salire ripidi a la Piazza dove a mezzo del sentiero 10 si risale decisamente a Surfai, La Trecciura ed in cima al Monte Pizzo.

Si segue poi in piano in direzione di una grande croce, che identifica la localita' I Balmit.(1667 mt - 2,30 h dalla partenza).

Pausa Pranzo

15 minuti sotto i Balmit c'e' il Rifugio del Pian Cavallone, 100 mt di dislivello, ma non si ha l' assicurazione dell'eventuale apertura.

Al ritorno si percorre il sentiero 11 eppoi il 9 che attraversando ampie pinete ci permette in 1,30 h di raggiungere il parcheggio della Cappella Porta.

La gita non prevede nessuna difficolta' tecnica: si attraversano splendidi boschi e alpeggi abbandonati di sicuro fascino. Il panorama che domina tutto il lago Maggiore dalla cima dei Balmit e' meraviglioso. Inoltre l'architettura rurale degli alpeggi invita a sostare e osservare le tracce di un passato non troppo lontano, dove la gente del posto ha fatto veramente vita dura. L'ambiente della Valgrande e' abbastanza selvaggio e per questo da non prendere sottogamba, ma percorrerre i suoi sentieri avvicina parecchio alla natura e ripaga decisamente la fatica.


Natalino


Sito

1 commento:

Dual ha detto...

Gironzolavo tra i vari blog ed eccomi qui.Se cerchi risorse free per il tuo blog vieni a trovarci!!!
Buon w.e.

Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog