lunedì 11 ottobre 2010

Domenica 17 Ottobre 2010: Montermarzino (AL) Colli Tortonesi: i sentieri del Comune

“Tra vigne e pescheti sui crinali fra la Val Grue e la Val Curone”

Verifica: Agostino 26 settembre 2010

Ritrovo a Berzano di Tortona, Municipio m. 270, ore 9.15

Vista la vicinanza dei luoghi, il ritrovo avverrà direttamente nel punto di partenza dell’escursione, il Municipio del piccolissimo comune di Berzano di Tortona,  che conta 157 abitanti.

Berzano dista circa 12km da Tortona ed è raggiungibile all’inizio della Val Curone passando per Volpeglino. Il Municipio si trova nel sobborgo più alto, riconoscibile grazie ad una elegante villa d’epoca con torretta e podere, color rosso vinaccia, ora sede di una comunità famiglia.

Durata: 6h 20m, delle quale 1h 20m di sosta  per la colazione al sacco nel piazzale della chiesa di Montemarzino

Dislivello complessivo:  350m circa

Difficoltà:  T, l’escursione si svolge per un terzo su stradelli asfaltati e per due terzi su carrarecce, sentieri e qualche prato di erba medica

Escursione

Si parte alle ore 9.30, proseguendo per la strada asfaltata sino ad una edicola sacra, lì si prende lo stradello a dx che porta a San Ruffino di Sarezzano ed in Val Grue.

Lo stradello attraversa, quasi pianeggiante, un ombroso bosco di roverelle e castagni sino a sbucare all’aperto, con belle viste sulle Alpi e la pianura, in corrispondenza di una vasca in cemento dell’acquedotto.

Si prende il tratturo che sale ripido a sx, passato un traliccio si arriva, dopo alcune ripide balze, con bei panorami sulla val Curone, sul crinale del monte Roxella (m 380 ).

Dalla cima del Roxella si scende rapidamente alla località Cappellette di Berzano m 338(10.15, 45m).

Percorse alcune centinaia di metri si giunge alla strada per Montemarzino, la si attraversa per una carrareccia che sale in un boschetto, si arriva ben presto ad una vasca in cemento dell’acquedotto, qua si prende la dx, entrando in un bel bosco di castagni.

Usciti dal bosco si riprende lo stradello asfaltato per Montemarzino che si percorre, tra bei panorami sul Giarolo, sino alla località Cadaborgo di Monleale m 408 (10.45, 30m, 1h 15m).

Qua si tiene la dx per Montemarzino, poco oltre si prende un tratturo sulla sx, tra vigne, pescheti ed un bel bosco di castagno, in 15m si giunge  alla località Roncascinate di Montemarzino m 388 (11.00, 15m, 1h 30m). Qua si incrocia il sentiero n. 2 del comune di Montemarzino che, con saltuarie segnalazioni, accompagnerà buona parte dell’escursione.

Si costeggia a dx il bel borgo, da notare delle belle costruzioni di cantine a volta, scendendo per il crinale, con piacevoli viste sulla parte alta di Montegioco.

Tagliando a sx su tracce non sempre evidenti, si giunge ben presto alla località Segagliate di Montemarzino m 280 (11.30, 30m, 2h).

Qua si riprendo lo stradello asfaltato, risalendo a sx sino alla località Castellazzo di Montemarzino m 330 (11.45, 15m 2h 15m), poco oltre una freccia del sentiero del comune indirizza in una vigna ed una carrareccia in un boschetto di roverelle, la si risale per un bel crinale che tra vigne, prati di erba medica e pescheti, risbuca sullo stradello asfaltato e poi alla località Caffaroni di Montemarzino m 410 (12.15, 30m, 2h 25m). Tenendo la dx in 15m si arriva a Montemarzino, qua in corrispondenza del noto ristorante da Giuseppe si sale a sx per il piazzale della Chiesa e più sù i ruderi del castello m 450 (12.30, 15m, 3h).

Sul panoramico piazzale della chiesa si sosta per la colazione al sacco.

Si riparte alle 13.45, ritornando a Caffaroni e poi in direzione di Cadaborgo, superato il quale, all’altezza del bivio del Repregosi (?)  si prende a dx una carrareccia (14.30, 45m, 5h).

Si prosegue pianeggianti in costa, sino al limitare di un bosco di castagno, si scende e costeggiando dei bei pescheti si sbuca su di un prato di erba medica che si ridiscende sino ad incontrare lo stradello che conduce a Monleale Alto. Dopo alcune centinaia di metri in corrispondenza della C,na Allegrina m 305 si prende il tratturo di sx (15, 30m, 5h 30m).

Tra vigne, pescheti , in leggera discesa si arriva alla diroccata C.na Madrina e poi in salita si giunge alla località Chiesa di Berzano m 280 (15.30, 30m, 6h).

Da qui si scende sino al bivio per Magostino e poi superata la bella fontana in cemento (senz'acqua nel periodo estivo), si sale a sx per Berzano ed il municipio (15.50, 20m , 6h 20m), punto di partenza.



Fonte



Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog