mercoledì 15 settembre 2010

Domenica 19 settembre: trekking urbano alla scoperta di Sardagna

Domenica 19 settembre: un tour per conoscere luoghi dalla natura rigogliosa e incontaminata, panorami mozzafiato e tesori nascosti.

Dalla funivia alla zona dei castagni e poi nel centro storico del paese con i murales a grandezza naturale e gli affreschi di Marcello Fogolino nella chiesetta di SS Filippo e Giacomo.
Tornano gli itinerari di trekking urbano organizzati dall’APT di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi in collaborazione con il Comune di Trento: un modo originale per coniugare la voglia di una passeggiata con la possibilità di scoprire luoghi insoliti del capoluogo.
Appuntamento per domenica 19 settembre: destinazione  Sardagna ed il suo panorama mozzafiato.
Un percorso che offre una suggestiva panoramica su Trento da una terrazza naturale di origine glaciale. Punto di osservazione privilegiato, che spazia fino alle cime della Paganella, completamente immerso nella natura rigogliosa e che porta alla scoperta di murales e affreschi preziosi.
Dopo aver lasciato la stazione a monte della funivia ci si immerge in un bosco rigoglioso di secolari castagni, noccioli, carpini, pini silvestri, faggi ed aceri campestri si fa poi ritorno a Sardagna.
Qui una dozzina di murales del centro storico dipinti a grandezza naturale sulle pareti esterne delle case consentono di apprezzare scene di vita contadina fra l’800 e il ‘900.
Infine i preziosi affreschi di Marcello Fogolino nella quattrocentesca chiesetta dei SS. Filippo e Giacomo, sita a poca distanza dalla famosa cascata del Rio Sardagna. Fogolino, pittore veneziano a cui si deve l’affermazione della pittura rinascimentale in Trentino e che già operò al castello del Buonconsiglio e a Trento.
Lungo l’intero itinerario guidato sono previste soste enogastronomiche, approfondimenti storico-culturali e momenti di intrattenimento.


...

Fonte

2 commenti:

Gabe ha detto...

peccato che sono a 1500 km.,altrimenti mi aggregherei con piacere,buona gita

Roberto ha detto...

Non vado nemmeno io...

Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog